Niteo eCC, Calvino, Dickens, Shakespeare, ecc...

Che cos’hanno in comune letteratura e business?
Fatto salvo che la letteratura (più specificamente l’editoria) è anch’essa un business, in apparenza ben poco.
In realtà, il business – il lavoro, qualsiasi lavoro – è fatto anche di storie, racconta storie.
E quando lo fa particolarmente bene, lo fa con le stesse tecniche e con gli stessi mezzi che da sempre utilizza anche la letteratura, in tutte le sue forme (romanzo, racconto, poesia).
Non parleremo qui di Storytelling o di Content Marketing. Avremo modo di parlarne altrove.
Qui proviamo a raccontare – per dirla con Shakespeare – che cosa c’è nel nome Niteo ecc. e perché prendiamo le mosse dalle “Lezioni Americane” di Italo Calvino.
A fare da sfondo alla nascita di Niteo eCC, il “Racconto di due città”, il romanzo di Charles Dickens ambientato durante la Rivoluzione Francese, il cui incipit crediamo descriva con esattezza il tempo in cui viviamo e tutte le sue contraddizioni.
Il tempo giusto per cambiare.
Cosa potrebbe esserci di meglio per iniziare?

“Era il tempo migliore e il tempo peggiore, la stagione della saggezza  e la stagione della follia, l’epoca della fede e l’epoca dell’incredulità, il periodo della luce e il periodo delle tenebre, la primavera della speranza e l’inverno della disperazione. Avevamo tutto dinanzi a noi, non avevamo nulla dinanzi a noi; eravamo tutti diretti al cielo, eravamo tutti diretti a quell’altra parte — a farla breve, gli anni erano così simili ai nostri,  che alcuni i quali li conoscevano profondamente sostenevano che, in bene o in male, se ne potesse parlare soltanto al superlativo”.

Charles Dickens, Le due città

Che c’è nel nome?

“Quella che chiamiamo rosa,
anche con un altro nome avrebbe il suo profumo”.

William Shakespeare, Romeo e Giulietta, II, ii

“… la mia operazione è stata il più delle volte una sottrazione di peso. (….) La leggerezza per me si associa con la precisione e la determinazione, non con la vaghezza e l’abbandono al caso”.

“Un ragionamento veloce non è necessariamente migliore d’un ragionamento ponderato; tutt’altro; ma comunica qualcosa di speciale che sta proprio nella sua sveltezza”.

“… chi siamo noi, chi è ciascuno di noi se non una combinatoria d’esperienze, d’informazioni, di letture, d’immaginazioni? Ogni vita è un’enciclopedia, una biblioteca, un inventario d’oggetti, un campionario di stili, dove tutto può essere continuamente rimescolato e riordinato in tutti i modi possibili”.

“La precisione per gli antichi Egizi era simboleggiata da una piuma che serviva da peso sul piatto della bilancia dove si pesano le anime. Quella piuma leggera aveva nome Maat, (…)”.

“Sono un uomo di una certa età. La natura della mia professione, da trent’anni a questa parte, mi ha portato a stabile contatti fuori del comune con quella che si potrebbe definire una categoria di uomini alquanto interessante e singolare…”.

“C’è un verso di Dante nel Purgatorio (XVII, 25) che dice: “Poi piovve dentro a l’alta fantasia”. (…) la fantasia è un posto dove ci piove dentro”.

Time

“Era il tempo migliore e il tempo peggiore, la stagione della saggezza  e la stagione della follia, …”

Tendenze del marketing digitale 2015

E’ iniziato il periodo degli oroscopi (previsioni). Le tendenze del marketing digitale per il 2015 iniziano a fiorire come rose a maggio. Lo scettro ai dati, grandi e piccoli, solitari o ibridati. Siamo sicuri che le aziende siano pronte?

Se avete una domanda o volete contribuire a Niteo eCC, chiamate o mandate una mail.
Vi risponderemo prima possibile!

Contattaci